Presentazione di ” Sessualità e riproduzione ” di Anglea Balzano e Carlo Flamigni – 15 febbraio alle 19 @Libreria Les Mots


Ambrosia prosegue la riflessione e il confronto intorno al tema dei CORPI IN RIVOLTA

Lunedì 15 febbraio presso la Libreria Les Mots

via carmagnola angolo via pepe, 20159 Milano

h. 19:00
Presentazione del libro
“Sessualità e riproduzione. Due generazioni in dialogo su diritti, corpi e medicina”, Anankelab, 2015

saranno presenti Anglea Balzano e Carlo Flamigni

Il volume è un dialogo tra Angela Balzano, giovane ricercatrice precaria, e Carlo Flamigni, ginecologo di fama internazionale, sulla attuale situazione politica e giuridica nel nostro Paese – anche detto il Paese dei teo-con – a proposito di aborto, fecondazione assitita, obiezione di coscienza, educazione sessuale, nuove genitorialità e mercati della riproduzione.
Con un linguaggio semplice Cop. Sessualita? e riproduzioneWEB primae diretto, senza inficiare il rigore scientifico, gli autori si pongono domande e pro- pongono risposte e soluzioni, rivolgendosi a un pubblico curioso e non necessariamente di specialisti.
Il punto di partenza è che due generazioni lontane tra loro si ritrovano a condividere le stesse preoccupazioni. Nonostante le lotte a favore del diritto all’aborto, della diffusione della contraccezione e dell’educazione ses- suale, dell’istituzione dei consultori, oggi denunciano entrambi un arretramento sul piano dei diritti all’auto- determinazione. Angela Balzano incarna una soggettività che si ritrova a vivere problematiche che si pensavano superate grazie ai risultati delle battaglie portate avanti dalla generazione rappresentata da Carlo Flamigni, circa quarant’anni fa. Le tecniche di fecondazione assistita, poi, sollevano questioni inedite, come le nuove genito- rialità e i mercati della riproduzione, che i due autori indagano mettendo in luce i danni che le intrusioni della morale cattolica nella politica e nella giurisprudenza hanno e stanno causando.
Un punto della situazione per capire cosa è andato storto e cosa si può fare per voltare pagina e riprenderci le nostre vite, i nostri corpi, i nostri diritti.

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)