Gender is the new Black


Sabato 2 Aprile 2016 siamo state invitate a partecipare attivamente al convegno Gender is the new Black (Un Poco Stranucce)
E’ stata un’esperienza arricchente, i temi trattati molto interessanti e discussi in un vivace dibattito che ci ha regalato tanti spunti di riflessione da riportare nel nostro collettivo per rielaborarli insieme.
Grazie a Arcilesbica Zami Milano Pagina Attiva per l’organizzazione strepitosa!

 

12923293_978105535591896_1793875643331577123_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

————————————————————————–

GENDER IS THE NEW BLACK
(un poco stranucce)

Dove va chi se ne va dall’eterosessualita’?

due giornate di incontri sul Gender,sulla Gpa,sull’Asessualità e sull’intersessualità…

sabato 2 e domenica 3 aprile 2016

Il convegno si terrà a Sesto San Giovanni (Milano)
Biblioteca Civica Villa Visconti D’Aragona,sala”Talamucci”
Via Dante 6 MM Sesto Rondò

I temi trattati:

Ermafroditismo, DSD, Intersex… proviamo a capirci qualcosa!
Sempre più persone intersessuali stanno facendo il loro coming out in tutti i paesi del mondo. Le loro storie ci interrogano direttamente, in quanto mettono in discussione il modo in cui abbiamo elaborato i binomi natura/cultura, sesso/genere negli ultimi 30 anni. Le loro esperienze, rompendo le costrizioni binarie di maschile e femminile, apriranno nuovi spazi di libertà per tutt*?

Ti desidero ma non mi attrai: l’asessualità
Di fronte all’ipersessualizzazione della persona cis e transgender e al dover essere erotiche, prende la parola la soggettività che osa dire di amare senza provare desiderio sessuale : non si tratta di scelta dell’astinenza, né di disfunzione sessuale, ma di un modo di essere emotivamente soddisfacente che ci sfida a ripensare l’amore

« Libera volpe in libero pollaio », anche sulla Gpa
Il mercato trionfante cerca di ridurre la libertà femminile alla già nota messa in vendita di sé, ora estesa al corpo riproduttivo e alla prole. C’è chi vende perché c’è chi compra, l’umano è merce tra le merci, le gestanti sono salariate per i progetti di genitorialità altrui, si nasce su commissione.
Non è questo che vogliamo.

Il genere come natura, performance, rapporto sociale I soggetti di liberazione da tempo teorizzano e sperimentano il dissolvimento dei ruoli di genere e delle identità in quanto costruzioni culturali oppressive, ma qualcosa della differenza femminile si salva? Intanto non mancano visioni rinaturalizzanti della femminilità e della maschilità, agite e subite non solo da etero, ma anche da lesbiche, gay, trans

PROGRAMMA

Sabato 2 Aprile 2016

ore 10
Apertura del lavori e Saluto di Rita Innocenti, Assessora alla Cultura del Comune di Sesto San Giovanni

ore 10.30-13:00

Il genere come natura, performance, rapporto sociale

I soggetti di liberazione da tempo teorizzano e sperimentano il dissolvimento dei ruoli di genere e delle identità in quanto costruzioni culturali oppressive, ma qualcosa della differenza femminile si salva? Intanto non mancano visioni rinaturalizzanti della femminilità e della maschilità, agite e subite non solo da etero, ma anche da lesbiche, gay, trans

Lidia Cirillo, saggista
Valentina Greco, storica
Luisa Muraro, filosofa

Gruppi di discussione e dibattito

ore 13.00 Brunch

ore 14.30-17

« Libera volpe in libero pollaio », anche sulla Gpa

Il mercato trionfante cerca di ridurre la libertà femminile alla già nota messa in vendita di sé, ora estesa al corpo riproduttivo e alla prole. C’è chi vende perché c’è chi compra, l’umano è merce tra le merci, le gestanti sono salariate per i progetti di genitorialità altrui, si nasce su commissione. Non è questo che vogliamo

Daniela Danna, sociologa

Marina Terragni, giornalista

Milly virgilio,avvocata

Gruppi di discussione e dibattito

ore 17.30-18.30

Azioni genderizzanti

ore 19.00 Aperitivo

ore 20.30

spettacolo teatrale di Sesto Spazio “Love is all you need”
storie di amori e di resistenze

Un percorso di letture sceniche accompagnate da musica dal vivo. tre attrici e un musicista accompagnano gli/le spettatori in un viaggio nel tempo per raccontare a più voci e da diversi punti di vista l’amore e gli amori contemporanei, coraggiosi, sovversivi, resistenti.

Storie di vita, testimonianze storiche, frammenti letterari e canzoni, compongono questo reading teatrale che svela stereotipi e pregiudizi, ancora oggi troppo diffusi, sull’omosessualità, il lesbismo, la bisessualità e la transessualità.

SestoSpazio rappresenta un luogo fisico e un gruppo di artisti, attrici, musicisti, registi, drammaturghe, cantanti, scrittrici che lavorano nell’ambito del teatro e dello spettacolo dal vivo. Lo spazio si trova a Sesto San Giovanni, in via Gioberti 26

Le Attrici LIVIA BONETTI,VIRGINIA ZINI
Il Musicista ORAZIO ATTANASIO
La Drammaturga in scena GIULIA TOLLIS

SESTO SAN GIOVANNI, BIBLIOTECA CIVICA, V. DANTE 6, MM SESTO RONDO’

 

 

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)